Ca’ l’abetia – Poggio tre Vescovi – Passo delle Pratelle – Monte Calvano – Monte Penna – Santuario della Verna

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
Panoramico
2
1: Molto
2: Normale
3: Poco
Salita
2
1: Ripida
2: A tratti
3: Nulla
Difficile
B Media - per persone allenate
Ombra
2
1: Bosco
2: Parziale
3: Assolato
Partenza
Verghereto
Posted by
Posted on
Ca’ l’abetia – Poggio tre Vescovi – Passo delle Pratelle – Monte Calvano – Monte Penna – Santuario della Verna

Lasciare la macchina a CA’ ABETIA un po’ prima dell’ incrocio della stradella che va a CA’ SELVA  (AL PASSO DI MONTECORONARO A DESTRA) si fa un breve tratto di strada asfaltata, poi si prosegue diritto  sul sentiero GEA 00 che in salita ci porta al POGGIO BASTIONE e poi all’incrocio di fianco al M. NERO ,qui si va a destra lungo il crinale ,si raggiunge un punto panoramico per poi arrivare dopo un breve ma ripido tratto in salita al POGGIO 3 VESCOVI. Si va a sinistra su 050 che in discesa porta al PASSO DELLE GUALANCIOLE , ora si percorre per 3 km una strada sterrata tutta in piano(a meta’ del tragitto c’ è una sorgente fino a 2 anni fa l’ acqua veniva anche in piena estate, ORA NON FARE PIU’ AFFIDAMENTO A QUESTA SORGENTE), si arriva al PASSO DELLE PRATELLE si prosegue sempre su 050 a destra sempre su una larga mulattiera , al 3° cancello si lascia la larga mulattiera e si va a destra sempre su 50, sentiero che in salita porta al M. CALVANO .Si scende fino alla CROCE DELLA CALLA ,si va a sinistra, arrivati su una larga mulattiera andare a destra fino sulla strada asfaltata, si va a destra e prima di entrare dentro al santuario andare a destra su 051( SE IL CANCELLO E’ APERTO ALTRIMENTI OCCORRE ARRIVARE AL SANTUARIO E PRENDERE IL SENTIERO LI ) . Questo sentiero tutto in salita dentro un bellissimo bosco porta al M. PENNA dove c’ è una cappellina e un  bel panorama ,si incomincia a scendere ,durante la discesa si può vedere il SASSO DI SAN FRANCESCO SASSO IN BILICO APPOGGIATO SOLO IN FONDO e sempre in discesa si raggiunge il SANTUARIO DELLA VERNA dove si possono vedere: IL SASSO SPICCO-LA GROTTA DOVE PREGAVA-IL PRECIPIZIO E ALTRE COSE Per il ritorno ripercorrere gli stessi sentieri, RICORDARSI CHE COME SALITE CI SONO: M. CALVANO, POGGIO 3 VESCOVI DALLE PRATELLE E 3 SALITELLE TRA ILPOGGIO 3 VESCOVI E IL POGGIO BASTIONE

N.B. IL TEMPO DI PERCORRENZA SENZA LE SOSTE E’ DI CIRCA 8,30 ORE E IL DISLIVELLO TOTALE IN SALITA E’ DI 1490 m

Distanza totale: 31232 m
Altitudine massima: 1276 m
Altitudine minima: 859 m
Total time: 10:42:41
Scarica

 

Relive ‘Santuario della Verna’

  1. MONTE PENNA
  2. CROCE DELLA CALLA
  3. Sentiero per il M. PENNA
  4. Cappellina sul M. PENNA
  5. Panorama dal M. PENNA ( zona delle MARMITTE DEI GIGANTI di RIMBOCCHI )
  6. Sasso di SAN FRANCESCO sul M. PENNA
  7. Sasso di SAN FRANCESCO sul M. PENNA
  8. Sentiero verso LA VERNA
  9. LA VERNA
  10. LA VERNA
  11. Croce DELLA VERNA
  12. Meridiana con tabella annuale
  13. Grotta del silenzio
  14. Sasso spicco
  15. Sasso spicco
  16. Grotta di SAN FRANCESCO
  17. Il precipizio
  18. LA VERNA
  19. M. CALVANO
  20. Panorama dal sentiero per il POGGIO 3 VESCOVI

8 comments

  1. Pier Giorgio Saviotti said on agosto 10, 2019 Rispondi

    Sempre un bel giro Luciano, bei ricordi… ciao.

    1. luciano49 said on agosto 11, 2019 Rispondi

      Ciao Pier Giorgio, mi fa piacere risentirti, ne approfitto per AUGURARTI DI FARE UN BUON FERRAGOSTO .
      Ciao a presto e SEMPRE FORZA

  2. Pier Giorgio Saviotti said on agosto 11, 2019 Rispondi

    Oggi sono arrivato a quasi 5 km senza appoggi in pianura. Tutto sommato un po’ di disagio, ma meglio del solito. Dicono che queste fratture e loro conseguenze ci mettono diversi mesi, ma l’età……Behh ciao Luciano e fai anche per chi non può. A presto e ricambio auguri. Con le zecche come va?

    1. luciano49 said on agosto 12, 2019 Rispondi

      Ciao Pier Giorgio, sono contento che tu incominci ad assaporare la gioia per l’ escursione, anche se per ora ti devi accontentare di fare giri in piano, ma cerca di pazientare,, sicuramente l’età non ci aiuta a risolvere i problemi in fretta . Faccio gli scongiuri ma ti posso dire che ultimamente con le zecche vado discretamente bene, speriamo di continuare ( nelle escursioni che si fanno in alto se ne prendono al massimo 2 o 3)
      Ciao a presto e SEMPRE FORZA

      1. Pier Giorgio Saviotti said on agosto 12, 2019 Rispondi

        E che la FORZA SIA con te…. Oggi mattina, con caldo, 6.5 km. Roba che mi si addice poco, ma altre circostanze mi impediscono. Stassera piedi e gambe gonfi e duri come mazze da baseball. Pazienza.

        1. Navtrekking_adm said on agosto 14, 2019 Rispondi

          Dai Pier Giorgio un passetto alla volta, sempre un po’ piu’ lungo del precedente.
          Frangrar, non flectar dicevano i latini. Anche se qui nei lidi romagnoli si usa più il moderno “barcollo ma non crollo”. Auguri!

        2. paolanensor said on settembre 1, 2019 Rispondi

          Ciao Pier Girogio,
          mi raccomando, con il caldo usa dei gambaletti apposta per chi sta in piedi tanto tempo per evitare questo problema. Forza e tieni duro!

          1. Pier Giorgio said on settembre 1, 2019 Rispondi

            Terrò presente i consigli. Però con il presidio dei gambaletti il problema si trasferisce più in alto. Vanno bene a stare fermi. Una vera soluzione spero, anzi ne sono certo, sia proprio a camminare, ma non lo posso fare tutto il giorno. Ciao e buona settimana

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*