Lago di Corniolo – Passo della Braccina – Cà Fossacupa – Montecavallo – Colla Pian di Mezzano – La Fossa – Monte della Maestà

Rating: 5.0/5. From 4 votes.
Please wait...
Panoramico
2
1: Molto
2: Normale
3: Poco
Salita
2
1: Ripida
2: A tratti
3: Nulla
Difficile
C Poco difficile - per escursionisti
Ombra
2
1: Bosco
2: Parziale
3: Assolato
Partenza
Santa Sofia
Posted by
Posted on
Lago di Corniolo – Passo della Braccina – Cà Fossacupa – Montecavallo – Colla Pian di Mezzano – La Fossa – Monte della Maestà

Lasciare  la macchina al Lago (1 km dopo Corniolo), si ritorna a Corniole lungo la strada si sale su per la strada che passa vicino ad un piccolo ripetitore, si scende fino a Corniolino e qui si riprende la strada che in salita ci porta al giardino botanico di Valbonella , si continua sempre su strada fino al Passo della Braccina, ora a sinistra su strada forestale (sentiero 301) che tutta in salita ci porta sul M. Avorgnolo qui si vede tutto il crinale che dal M. Falco va verso Camaldoli. Si prosegue rimanendo sul crinale in piano poi in leggera discesa, qui prima di iniziare la salita si va a sinistra in discesa per i prati su un sentiero non segnato, la discesa ci porta ai ruderi di Lavacchio di Sopra – di Mezzo – di Sotto si prosegue sempre in discesa fino a Cà Campo di Fuori, il sentiero ora presenta tratti sassosi e si incomincia ad intravedere la zona di Corniolo con i ruderi del Castellaccio di Corniolino. Proseguire sempre per il sentiero, quando si incomincia a vedere la zona di Corniolo, andare a destra un piccolo sentierino non segnato che in discesa porta a Cà Capria , qui proseguire diritto, la discesa è ripida e ci porta ad una casa diroccata dove si incontra il sentiero 261, ora a destra si attraversa il ruscello su un ponticello e si incomincia a salire verso le Ripe Toscane. A 30 m prima di arrivare alla fonte della Fossa Cupa si va a destra in salita su un vecchio sentiero non segnato, si sale sempre fino a Cà di Fossacupa, si prosegue in salita, si arriva in un punto dove si vede tutta la zona di Corniolo, si devia a sinistra e si continua a salire sempre su sentiero non segnato, si incontra Cà Montecavallo di Sotto, si va a sinistra sempre in salita, ora il panorama incomincia ad essere più bello, si arriva a Cà Montecavallo di Sopra, si prosegue verso l’ alto poi si va verso sinistra si incontra cosi’ una larga mulattiera che i seguirà, poi mentre la mulattiera proseguirebbe verso l’ alto verso M. Cavallo si deve andare verso sinistra, si incontra un abbeveratoio poi il sentiero prosegue a mezza costa in salita. Si arriva cosi’ sul sentiero 301 proveniente dal M. Ritoio, si segue questo sentiero in discesa fino alla Colla Pian di Mezzano sulla strada forestale che si seguirà andando a sinistra fino a La Fossa, ora in discesa su 261 fino ad incontrare i ruscelli che si attraversano su 2 ponticelli, dopo 30 m si arriva sulla strada sterrata che seguiremo andando a sinistra. Nella prima parte si alternano tratti in salita a tratti in piano, poi l’ ultimo tratto in salita ci porta al Poderone, proseguire sempre su strada, arrivati sulla strada asfaltata andare a sinistra su 259, questo sentiero rimane sempre su un bel crinale molto panoramico , si arriva al M. Della  Maestà e qui si inizia la discesa che passando dal Castellaccio di Corniolo ci porta di nuovo sulla strada asfaltata, si va a sinistra su una strada privata, si passa in mezzo ad una casa abitata, poi l’ ultimo tratto in discesa fino di nuovo sulla strada che si seguirà fino a Lago.

N.B. IL TEMPO DI PERCORRENZA SENZA SOSTE E’ DI CIRCA 9 ORE E IL DISLIVELLO TOTALE IN SALITA E’ DI 1620 m.

Distanza totale: 32831 m
Altitudine massima: 1135 m
Altitudine minima: 525 m
Tempo totale: 10:34:37
Scarica
  1. Panorama dal PASSO BRACINA
  2. Panorama dal M. AVORGNOLO
  3. I maschi senza corna non si distinguono più.
  4. I maschi senza corna non si distinguono più.
  5. CA' CAMPO DI FUORI
  6. CA' MONTECAVALLO DI SOTTO
  7. CA' MONTECAVALLO DI SOPRA
  8. LA FOSSA
  9. Strada per FIUMARI dal sentiero 259
  10. CORNIOLO dal sentiero 259
  11. Zona incendiata nel 2018 sul sentiero 259

27 comments

  1. Pier Giorgio Saviotti said on aprile 5, 2019 Rispondi

    Ciao, Luciano…Altro bel “”giretto”” , ma proprio sempre solo? Devi conoscer benissimo le zone perchè con tutti i tratti non segnati diventa difficile rispettare dei tempi di percorrenza magari sbagliando, con zone impervie e dovendo recuperare! Comunque bravissimo anche per le foto. Si dice che ci siano anche molti lupi.

    1. luciano49 said on aprile 5, 2019 Rispondi

      Ciao Pier Giorgio, si sempre solo qualcuno ogni tanto mi dice che vorrebbe fare qualche escursione un pò lunga anche per allenarsi quando vanno a fare percorsi con il CAI e stanno via qualche giorno, ma poi al momento buono o ti vengono a dire che ad una certa ora hanno degli impegni( questo non va d’ accordo con i giri lunghi e se si fanno dei fuori sentiero) oppure vogliono partire non presto o quel giorno che hai scelto non gli va più bene, Le zone non segnate anche se le hai fatto 1 o 2 volte è sempre un pò problematico farle , la prima volta che le fai ci si sbaglia spesso , la seconda volta qualche barlume di ricordo ce l’hai. Si dei lupi penso ce ne siano molti perchè degli escrementi se ne vedono tanti, tu pensa che in quelle zone è un pezzo che non riesco a vederli,ma lo scorso anno in maggio ne ho visti 2 sotto la PIETRAMORA li ci sono contadini che hanno anche molti animali all’ aperto. Questo giro l’ ho fatto anche perchè speravo di trovare qualche palco di cervo MA IN QUESTI ULTIMI ANNI NON SONO MOLTO FORTUNATO IN QUESTA RICERCA mi rendo conto che il territorio è molto vasto ed è fatica trovarli, ma si spera sempre.
      Ciao e a presto

      1. Nordic Nordic said on aprile 5, 2019 Rispondi

        Anche a me piacerebbe almeno una volta nella vita vedere un palco a terra! La stagione è quella giusta, credo che cadano fino alla fine di aprile , ma mai trovati nè per boschi nè in zone di pascolo aperto. Ma la speranza è dura a morire!

      2. Paola Nensor said on aprile 6, 2019 Rispondi

        Ciao Luciano. Te lo dico io perché non vengono con te a fare ste escursioni…perché li faresti morire! Mi viene sempre un colpo quando guardo il su e giù dei tuoi percorsi, i km che fai e il dislivello. Sei il mio androide preferito comunque…sappilo. Anch’ io come voi cerco un palco di un cervo perché non ne ho mai trovati e mi piacerebbe molto e mi fa piacere sentirvi dire la stessa cosa perché chi mi ascolta ogni tanto mi ride dietro. Idem quando dico che mi piacerebbe avvistare una bella vipera. Per il discorso lupi vi comunico che ne hanno visti un paio qui sulla strada dove abito io a Meldola, ok in campagna, ma conosco la persona che li ha avvistati e non aveva nessun dubbio. Avrei pagato per essere al suo posto ma niente da fare…
        Comunque tornando a noi Luciano….complimenti davvero perché come dice Pier Giorgio non è facile per sentieri non segnati. Sei uno che non si fa problemi nel provarci.

  2. Pier Giorgio Saviotti said on aprile 5, 2019 Rispondi

    C,era un servizio, stassera su Rai3 bollettino Em-Rom. ore 19.45 che riportava come ci siano anche lupi in pineta ravennate ed in zone anche di pianura.
    Ma come fai a ricordare i nomi delle case, delle località che attraversi, dei particolari, per fare dei resoconti così dettagliati?
    Ricordo che con gli Acuti un mio collega co-fondatore, che poi era chiamato anche il “Capo”, sempre si fermava ad annotare tutto corredando con foto ed anche lui conosceva la toponomastica- Vi andava certo prima e si avvaleva di pubblicazioni(non c’era internet e nemmeno il gps) di cui alcune anche in mio possesso; una per esempio del territorio Alta Val Savio e Alta Val Bidente, elenco di case, storia, strade, ecc. :” I sentieri dei passi perduti” 1987.
    Un altro riguardante case e territori della valle del Lamone, ma non lo trovo più.

  3. luciano49 said on aprile 6, 2019 Rispondi

    Allegato

    Ciao PAOLA e Pier Giorgio, vi ringrazio per la considerazione che avete di me, non mi sento un super ma una persona a cui piace fare queste cose ed è frutto ( tempo e acciacchi permettendo di fare quasi un giro alla settimana per tutto l’ anno ) e e pensare che ho incominciato non da giovane ma come ho già detto per me è come una droga. Sono convinto che anche tu Paola come donna considerando l’ultima escursione che hai fatto puoi considerarti di essere brava e tosta, e anche Pier Giorgio anche se adesso non ti senti di fare grandi escursioni, sono convinto che tu abbia fatto grandi avventure e grandi cose considerando tutte le cose che racconti ed io di te invidio la cultura che hai.. Se ce la faccio vi mostro i miei 2 più belli trofei che ho trovato alcuni anni fa , sono stato fortunato perchè è il palco dello stesso animale che se li è tolte entrambe, poi io con un pò di pazienza ho fatto lo scudo e le ho attaccate.
    In questi ultimi anni, anche andando di proposito a cercarle non sono più riuscito a trovare nulla, Paola anno scorso ho visto e fotografato e fatto un video di 2 vipere , non so se si riesce a pubblicare il video ve li farei vedere.
    BUON FINE SETTIMANA A TUTTI VOI e a presto

    1. Paola Nensor said on aprile 6, 2019 Rispondi

      Luciano! Che bei palchi che hai trovato! Immagino non sul sentiero però. Grazie delle foto che hai condiviso. Anch’ io mi auguro di trovarne. Dovrei andare con questo intento magari. Vedo i naturalisti che vanno per boschi in cerca di foto di animali che trovano a volte queste bellezze. Grazie per i complimenti, io non credo di riuscire a fare più di 25 km. Però come dice Pier Giorgio mi bastano 8 km su strada e sono morta, ahah. Il video non credo tu riesca a caricarlo, ma grazie del pensiero. Se ne incontri di vipere fai una bella foto così me la invii! Buon WE a tutti voi

    2. Navtrekking_adm said on aprile 7, 2019 Rispondi

      Per @luciano49 e @paolanensor:

      i video possono essere pubblicati così come tutti i file che hanno come tipo quelli elencati di fianco alla scritta “Upload allegato” in alto nella scheda dove si scrive il commento.
      Ad esempio per i filmati sono accettati avi, mpg , ecc

      1. Paola Nensor said on aprile 7, 2019 Rispondi

        Grazie Nav!

  4. luciano49 said on aprile 6, 2019 Rispondi

    Allegato

    Questo è l’altro palco

    1. Pier Giorgio Saviotti said on aprile 6, 2019 Rispondi

      Heiii, Luciano, non ti vogliamo esaltare come un eroe. Fai ed hai fatto cose che hanno del “più che normale”. Anche i servizi che pubblichi sono belli ed invidiabili. Ma solo pochi lo fanno!
      Poi il cervello fa la sua parte, anzi di più che le gambe (per certuni, naturalmente). Senza sminuire nulla, un ben allenato camminatore si fa i 20/25 km perfettamente, specie se sono sali-scendi e non sola pianura. La varietà del percorso aiuta moltissimo la muscolatura ad esplicarsi utilizzando al meglio la conformazione fisiologica. I muscoli della salita si riposano quando fai pianura o discesa. Il terreno accidentato, al contrario di come si possa pensare, aiuta a diversificare gli sforzi e l’utilizzo del complesso muscolo-tendineo-articolare. Morale che un giro lungo trenta-quaranta km in terreni variegati stanca molto meno di quello in pianura(asfalto o meno).
      Gli animali, cosa bellisima in montagna, sono visibili solo se si è soli o se si sorprendono. Essi sono più attenti. Quando un gruppetto di gitanti chiacchiera, scarpineggia, non fa silenzio, e quindi li fa scappare.
      Come ha stabilito il sistema ADM, fino a 30 Mb puoi mettere filmati, come da elenco. che io tempo fa richiesi. Certo per un filmato sono troppo pochi, secondo me.
      Certo, anch’io ne o fatte di mattate, e fino a un quattro-cinque anni fa (dopo ebbi problemi di salute che mi hanno fatto tirare i remi in barca) mi facevo dal Passo della Colla (posti che tu conosci a menadito) , Giogana, Lozzole, Carnevale, ecc. fino a Brisighella in 10-12 ore, riuscendo a portarmi dietro anche mia moglie. Il tragitto però presenta continui sali_scendi ecco perchè si fanno “benino” anche 45 km. non ostante che si dica; parti da 900, sali a 1100 e arrivi a cento…ma i dislivelli di sola salita sono almeno 1600! Ciao a presto e complimenti per le “corna” intendo quelle….al muro…hahahaha Ciao.

  5. luciano49 said on aprile 7, 2019 Rispondi

    Allegato

    Ciao Paola, ti faccio vedere qualche foto della mia collezione di vipere, se riesco a ridurre a MAX 30 MB il video te lo mostro , con le vipere però bisogna starci molto attenti si spera sempre di non buttare mai una mano nel posto in cui sta, oppure come si dice di non passare sotto gli arbusti in cui è salita per partorire dopo l’ estate( non so se questo corrisponde a verità ma io qualcuna l’ ho vista)
    CIAO BUONA SERATA A VOI DUE E SPERO DI VEDERE PRESTO UNA TUA ESCURSIONE

  6. luciano49 said on aprile 7, 2019 Rispondi

    Allegato

    Altra vipera

  7. luciano49 said on aprile 7, 2019 Rispondi

    Allegato

    Terza vipera

    1. Paola Nensor said on aprile 7, 2019 Rispondi

      Che belle Luciano! Ne vidi tanto tempo fa quando andavo a funghi fuori sentiero con mio padre ma queste foto sono veramente belle. Grazie mille per la tua condivisione! Mi ha fatto tanto piacere vederle. Grazie!!

  8. Pier Giorgio Saviotti said on aprile 7, 2019 Rispondi

    In giro di animali se ne vedono ma adesso che si hanno i mezzi digitali si possono immortalare molto più facilmente di quando si aveva la Nikon magari con teleobietivo che risultava scomoda da trascinarsi in giro e a rullino che non ti permetteva di fare magari una sequenza e quindi buttavi via tutto. La vipera è si uno dei pericoli ma in montagna di pericoli ce ne sono tanti e bisogna usare la testa. A dire il vero ne ho viste molte di più nelle pinete costiere, nelle pialasse ravennati, e nelle zone umide vallive che in Appennino dove comunque ci sono. Però in queste stagioni di primavera sono abbastanza lente e addormentate.

  9. Navtrekking_adm said on aprile 7, 2019 Rispondi

    Per @luciano49 e @pier-giorgio-saviotti : abbiamo esteso il limite dei file in upload a 100 Mb. Lo testiamo per vedere se questo rallenta o meno la velocità del sito, che è il motivo per cui sopra i 25/50 Mb difficilmente si va.

    1. luciano49 said on aprile 8, 2019 Rispondi

      Grazie Navtrekking , provo a inserire il video relativo alla vipera che ho fatto lo scorso anno in questa stagione e che avevo promesso di fare vedere a Paola
      SALUTI
      Luciano

      1. Pier Giorgio Saviotti said on aprile 8, 2019 Rispondi

        Molto volentieri mi son visto il video, Luciano….anche se il mio vecchio pc me lo fa vedere al rallentatore. E con Mozilla non si apre neppure Navtrekking…. certo i files grossi rallentano come prevede Andrea. Ma con altri browsers riesco ad aprire. Grazie, e ciao.

      2. Paola Nensor said on aprile 8, 2019 Rispondi

        Grazie Luciano! Bellissimo questo video. Grazie anche a Navtrekking che mi ha permesso di vederlo. Ma Luciano…scrivi che l’ hai vista in questa stagione? Pensavo venissero fuori con più caldo. Mi sa che non so un tubo di vipere. Ma era sul sentiero o fuori sentiero?

        1. luciano49 said on aprile 9, 2019 Rispondi

          Ciao PAOLA, scusa se ti rispondo solo adesso ,non avevo visto i vostri commenti. La vipera l’ ho filmata lo scorso anno all’ inizio di maggio di mattina presto ed ero sulla larga mulattiera che dagli ORTACCI va al POGGIO DEL TIGLIO.
          A presto PAOLA ( questa settimana con questo tempo un pò balordo non si riesce a programmare nulla)

          1. Paola Nensor said on aprile 9, 2019 Rispondi

            Grazie Luciano. Non ti preoccupare. Te lo avrei richiesto anche in altre occasioni. Buona serata!

    2. Pier Giorgio Saviotti said on aprile 8, 2019 Rispondi

      Come prevedevi grosso rallentamento. Con l’ultima versione di Firefox non riesco nemmeno più ad aprire (il quadretto macina e macina, ma non va avanti) il percorso di Luciano come al solito e lo tenevo di default . Altri percorsi invece si aprono. Con altri tipo Opera, SlimJet, Slim Browser va meglio. Con Google Chrome non ci provo neppure…è il peggiore. Comunque, tanto per saperlo, il video di Luciano che estensione ha e quanti mb conta?
      Ciao Nav.

      1. Pier Giorgio Saviotti said on aprile 8, 2019 Rispondi

        No, con Mozilla proprio non va per nulla. Forse il trasferimento dati non funziona bene o non c’è un adeguato viewer dedicato interno. Ad ogni modo ho salvato il video (MP4 con poco più di 70 mb) e con altri viewers va benissimo, ovviamente. By By.

      2. Navtrekking_adm said on aprile 9, 2019 Rispondi

        Il mondo del software è piuttosto bizzarro…pensa che da noi Firefox non dà alcun problema e addirittura il video è fluidissimo a dispetto di un paio di rallentamenti su Chrome. Che comunque rimane il navigatore di riferimento essendo usato dal 60% degli utenti.
        I rallentamenti sono dovuti al server oltre a connessioni e PC personali ed ovviamente non è quello che ospita Youtube o Facebook per intenderci.
        Però il video è stupendo, grande @luciano49 come sempre!
        P.S. Io me la sarei data a gambe altro che zoom!

        1. Pier Giorgio Saviotti said on aprile 9, 2019 Rispondi

          Caro Andrea, mi spiace di renderti la vita difficile con le mie osservazioni da “strarompi” ma sono così…vado sempre a fondo nelle cose che mi si presentano difficili anche perchè spero ogni tanto di favorire anche altri. E mi sono “formato in tal modo anche per via di un mio impegno lavorativo alla fine degli anni ’70 quando si testava un sistema di telecomunicazioni delle prime trasmissioni informatiche fra tutti gli Istituti bancari d’Italia. Certo con apparati primordiali, ma che hanno contribuito molto per il futuro.
          Se fossimo in prova beta o in test di operatività ti proporrei (ma non lo facciamo per senso di rispetto a Luciano e ad altri), di togliere temporaneamente il video corposo della vipera per poi ripristinarlo avendo visto, tuttavia, prima come il sito funziona. Che e solo quel thread proprio non mi si apre.

          1. Navtrekking_adm said on aprile 10, 2019 Rispondi

            Sai Pier Giorgio che il tuo essere strarompi è sempre ben accetto in quanto propositivo e mai polemico!

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*