Passo della Calla – Poggio Scali – Eremo di Camaldoli

No votes yet.
Please wait...
Panoramico
2
1: Molto
2: Normale
3: Poco
Salita
3
1: Ripida
2: A tratti
3: Nulla
Difficile
B Media - per persone allenate
Ombra
1
1: Bosco
2: Parziale
3: Assolato
Partenza
Stia
Posted by
Posted on
Passo della Calla – Poggio Scali – Eremo di Camaldoli

Bel percorso, quasi sempre all’interno delle Foreste Casentinesi, praticamente pianeggiante ad eccezione dell’ultimo km in prossimità del Sacro Eremo.

Si segue il sentiero CAI nr 00 dell’Alta Via dei Parchi lungo tutto il crinale tra Romagna e Toscana.

Non molto dopo la partenza si può lasciare il sentiero per salire sulla sommità di Poggio Scali a 1520 mt di altitudine dove il panorama è veramente a 360 gradi, ma ci sono altri punti del percorso dove il bosco si apre dal versante romagnolo regalandoci bellissime vedute anche sulla diga di Ridracoli.

E’ un percorso adatto a tutti anche per trail running d’estate e ciaspole d’inverno!

 

 

  1. Le foreste del Casentino.
  2. Il sacro Eremo di Camaldoli.

8 comments

  1. paolanensor said on Agosto 15, 2018 Rispondi

    Ciao….volevo chiederti se poi te la sei rifatta tutta indietro oppure ti sei fatto venire a prendere?

  2. Mario Rossi said on Agosto 16, 2018 Rispondi

    No no…fatta andata e ritorno! Sarebbe esattamente lunga la metà e cioè 10 km se fosse solo andata, ma è davvero piacevole e poco impegnativa!

  3. paolanensor said on Agosto 16, 2018 Rispondi

    Io sono arrivata a Poggio Scali e poi sono tornata indietro. Bisognerà che ci provi se mi dici così. Grazie mille!

  4. Pier Giorgio Saviotti said on Novembre 24, 2018 Rispondi

    Una delle mie passeggiate anche di gioventù (1954). Ma con partenza dai Fangacci sotto il Falterona. Circa trenta km.
    Ma con neve è un po’ più impegnativa.

    1. Andreag71 said on Novembre 24, 2018 Rispondi

      Ah però Pier Giorgio ! Dai Fangacci con la neve è proprio autolesionismo!

      Spero tu l’abbia fatta senza ciaspole!

      Complimenti!

      1. Pier Giorgio Saviotti said on Novembre 24, 2018 Rispondi

        Ma no! Ciaspole o racchette da neve sono un intralcio. Anche su Alpi ho sempre fatto escursioni con scarponi e ghette anche con neve alta un metro. Difficile, ma entusiasmante. Poi ti dirò che mi son fatto 18 mesi nel corpo degli Alpini.; ma sessanta anni fa!

        1. Andreag71 said on Novembre 24, 2018 Rispondi

          Grande! Sei un mito!
          Io la penso come te, anche se le ciaspole le trovo divertenti quando c’è da fare km sono spesso un intralcio e basta.
          Però averle dietro non fa male, qualche anno fa ero dalle parti del Cippo dell’Alpino sopra Alfero e mi sono trovato all’improvviso con la neve fresca che arrivava a metà coscia…non proprio agevole camminarci!

          1. Pier Giorgio Saviotti said on Novembre 24, 2018 Rispondi

            Al Belvedere, sopra Canazei ci sono arrivato con neve alle coscie, da solo. A tratti però passavo sotto la seggiovia e c’erano crucchi(Tedeschi) sopra che vociavano vedendo(per loro) un povero scemo far tanta fatica. Dopo un triplo “gut” li ho rivisti in cima e ci siamo fatti quattro risate. Ragazzi..che fatica. Poi il ritorno…ma in discesa si corre anche con gli scarponi!

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*