Pianetto (Galeata) – La Crocetta – Bivacco Pinone – Poggio Penna – Poggio Caprile – Pianetto

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
Panoramico
2
1: Molto
2: Normale
3: Poco
Salita
2
1: Ripida
2: A tratti
3: Nulla
Difficile
D Difficile - per escursionisti esperti.
Ombra
2
1: Bosco
2: Parziale
3: Assolato
Partenza
Galeata
Posted by
Posted on
Pianetto (Galeata) – La Crocetta – Bivacco Pinone – Poggio Penna – Poggio Caprile – Pianetto

Da PIANETTO preso il sentiero che sale ai ruderi del CASTELLO (NON HO FATTO FOTO A CAUSA DELLA NEBBIA FITTA E DELL’ORA PRESTA) questo sentiero è segnato come VIA ROMEA, ho proseguito su questo sentiero ma ben presto mi sono accorto che non era giusto, perciò sono tornato indietro e ho cercato di andare sul crinale ( PER PRENDERE IL SENTIERO SEGNATO CON IL NUMERO B3 BISOGNA SEGUIRE LA STRADA PRIVATA CHE PORTA AD UN ALLEVAMENTO DI MUCCHE, OCCORRE ANCHE TENERE PRESENTE CHE QUESTI SENTIERI SEGNATI A LIVELLO LOCALE SONO INDICATI SOLO ALLA PARTENZA E ALL’ARRIVO PERCIO’ DURANTE IL LORO TRAGITTO NON SI TROVERANNO DEI SEGNI OCCORRE FARE MOLTA ATTENZIONE), pensando di essere sul sentiero buono ho attraversato un prato poi ho proseguito per una larga carraia ma vedendo che non saliva sano andato a sinistra sul MONTE GUGLIELMO sul crinale che ho seguito per poco per poi proseguire per un’ altra carraia sempre nella nebbia, ma anche questa carraia non saliva, ho intravisto sulla mia sinistra il crinale che era più in alto ho quindi deciso di cercare con molta fatica di raggiungere il crinale dove ho trovato il sentiero che ho seguito fino ad incontrare la strada sterrata. Ora seguire la strada che prima in leggera discesa poi in salita passando di fianco a LA CROCETTA poi in discesa ci porta a raggiungere la strada asfaltata a MONTE ROSSO, si percorre un breve tratto e in una curva si lascia la strada per andare a destra lungo una carraia che passando di fianco ad una casa e poi tutta in discesa ci porta a CALCI , qui si va a destra lungo la strada asfaltata tutta in discesa, si attraversa il RIO SASSO si incomincia a salire, si passa vicino al cimitero di SPESCIA e subito dopo ad una casa, qui prima della casa occorre andare a sinistra in discesa su UN ACCENNO DI SENTIERO POCO VISIBILE, si attraversa un fosso poi si incomincia a salire su un sentiero andando a sinistra fino ad incontrare il sentiero principale 271. Si va a destra rimanendo sempre sul crinale in salita fino al CASTELLO DI SPESCIA e poi fino ad M. ALPICELLA, si alternano corti tratti in salita a corte discese, poi si scende fino ad incontrare la strada asfaltata, qui si va a destra su strada fino alle case di CORNIETA. Ora proseguire diritto sulla strada forestale che è sempre il sentiero 271, il panorama è molto bello, è tutto in leggera salita, si passa da CAMPO CENTO NOCI fino ad arrivare sul crinale dove il sentiero diventa il 301. Si passa dal RIFUGIO PINONE, si va in piano poi dopo una corta discesa si incomincia a salire, prima del RIFUGIO DELLA FRATTA abbandonare la strada e andare sul POGGIO PENNA la corta salita è ripida, si va un po’ a carponi visto il terreno di marnoso arenacea sdrucciolevole. Sulla cima il panorama è bello si può vedere tutto il crinale che si dovrà fare in discesa IO HO RITENUTO CHE LA PRIMA PARTE DELLA DISCESA SU UNO STRETTISSIMO CRINALE MOLTO SDRUCCIOLEVOLE E IN RIPIDISSIMA DISCESA FOSSE TROPPO PERICOLOSO DA FARE IN SOLITARIA, GUARDANDO UN PO’, HO TROVATO LA SOLUZIONE ANDANDO A SINISTRA IN DISCESA AL BORDO DEL BURRONE FINO AD INCONTRARE UN PICCOLO  SENTIERO CHE MI HA PERMESSO ANDANDO A DESTRA DI RITORNARE SUL CRINALE SOTTO I 2 PASSAGGI PERICOLOSI. Ora seguire sempre in discesa questo bellissimo crinale che anche se si è a tratti un po’ esposti può essere tranquillamente fatto, si passa dal POGGIO CAPRILE per arrivare infine al rudere di CAMPODAGLIO, qui io sono andato su un accenno di sentiero in discesa fino sul letto del fosso che ho seguito per 30 m per poi risalire sul lato opposto dove si incontra un largo sentiero che prima in salita poi in discesa e dopo aver guadato un piccolo fosso e infine in salita ci permette di arrivare sulla strada asfaltata. Seguire la strada subito dopo si passa dalla chiesa di S. MARIA dove c’è una fontana si va sempre in salita per poi abbandonare la strada prima del M.PRIGNOLAIA per andare a sinistra su una strada sterrata che ci permette di arrivare sul crinale a BALDELLA, ora si segue sempre la strada ( sentiero 301) che rimanendo sempre sul  crinale molto panoramico ci porta a PIAN DEI TOSCHI (qui il 301 va verso sinistra), si prosegue sempre su strada e dopo una discesa e una salita si passa da CA’ MONTELLERO, dopo la casa si lascia la strada per andare a sinistra su una larga mulattiera (c’è una sbarra), la prima parte di questo sentiero NON SEGNATO è lago, ma arrivati sotto un traliccio dell’alta tensione termina qui occorre andare in discesa e subito dopo si arriva su un crinale che si seguirà tutto in discesa. Arrivati su una piccola sella abbandonare il crinale e andare a destra su un piccolo sentiero e tutto in discesa ci porta sulla strada in prossimità di un allevamento di animali, ora si segue la strada che costeggia il RIO SECCO fino a PIANETTO.

N.B. IL TEMPO DI PERCORRENZA SENZA SOSTE E’ DI CIRCA 8,30 ORE E IL DISLIVELLO TOTALE IN SALITA E’ DI 1630 m.

Distanza totale: 30302 m
Altitudine massima: 1056 m
Altitudine minima: 259 m
Scarica

Relive ‘Poggio Penna’

  1. Panorama da LA CROCETTA
  2. Panorama da LA CROCETTA
  3. Panorama da LA CROCETTA
  4. Panorama da LA CROCETTA
  5. Cimitero di SPESCIA
  6. Castello di SPESCIA
  7. CORNIETA
  8. CORNIETA
  9. Panorama dal sentiero 271
  10. Panorama dal RIFUGIO PINONE
  11. Crinale della MISSION
  12. POGGIO PENNA
  13. Crinale visto dal POGGIO PENNA
  14. Crinale del POGGIO PENNA
  15. CAMPODAGLIO
  16. MONTELLERO
  17. Laghetto a PIANETTO
  18. Nebbia sulla ragnatela

2 comments

  1. Navtrekking_adm said on ottobre 13, 2019 Rispondi

    Grande Luciano! Come sempre abile a costruire una bella escursione prendendo come spunto una mission!

  2. luciano49 said on ottobre 14, 2019 Rispondi

    Grazie Andrea, spero di aver tirato la volata a qualche altro/a escursionista che vuole provare a fare questa mission, ora che un pò di indicazioni di quello a cui andrà incontro le ho date, il crinale è veramente bello.
    Ciao e a presto

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*