Poggio – Pian Grande – Monte Conero – Badia San Pietro – Passo del Lupo – Sirolo – Pian di Raggetti – Grotte romane

No votes yet.
Please wait...
Panoramico
1
1: Molto
2: Normale
3: Poco
Salita
2
1: Ripida
2: A tratti
3: Nulla
Difficile
B Media - per persone allenate
Ombra
1
1: Bosco
2: Parziale
3: Assolato
Partenza
Rimini
Posted by
Posted on
Poggio – Pian Grande – Monte Conero – Badia San Pietro – Passo del Lupo – Sirolo – Pian di Raggetti – Grotte romane

Ancona Nord, Camerano, frazione Poggio. Parcheggiamo di fronte all’Osteria del Poggio, in località Case Sant’Antonio, di fianco alla quale parte il sentiero 301, il più lungo e bello del Monte Conero che attraversa tutto il monte e gli gira intorno. Quasi tutto il nostro percorso si snoda su di esso, quasi sempre all’ombra di boschi misti di tipo mediterraneo, con netta prevalenza di lecci in alto e pini in basso, su tracciati accessibili a tutti. Partiamo da 230 metri e saliamo ai 420 m. di Pian Grande dove in una bacheca si può vedere tutta la parte settentrionale del litorale del Conero, da Ancona a Santa Maria di Portonovo (foto 1). Prendiamo il sentiero 301a e proseguiamo per Belvedere Nord dove si apre il primo bello scorcio sulla Riviera del Conero. Ammiriamo dal vivo quello che avevamo guardato prima nella bacheca: dal promontorio di Ancona fino sopra Portonovo (foto 2). Si può vedere lo Scoglio del Trave, una naturale, sottile lingua di scogli  che come un ago penetra nel mare per un chilometro, e l’inizio della lunga spiaggia di Mezzavalle. Poco più avanti (foto 3) vediamo la Torre di Guardia e la spiaggia di Portonovo. Andiamo avanti verso i 550 metri del Monte ma dobbiamo fermarci un po’ prima perchè tutta la parte alta del monte è zona militare, off limit. Non molto più avanti il tracciato ci riporta sul sentiero 301 sul quale proseguiamo fino alla chiesa e al convento di San Pietro al Conero (foto 4). Il posto è turisticamente attrezzato con un albergo, un ristorante/bar, bagni e acqua da bere. Ora scendiamo fino a 250 metri del punto in cui parte il sentiero 302 verso il Passo del lupo. Anche questo è un percorso facile e sicuro nonostante il nome inquietante; alla sua fine si apre un paesaggio selvaggio, molto bello (foto 5 e 6). Nella prima fotografia si può vedere un pezzettino del sentiero che scende alle spiagge. Andarci è vietato, è indicato come molto impegnativo, tra le rocce, ma ho visto diversi baldi giovani che l’imboccavano. Siamo tornati indietro e, sempre sul sentiero 302, siamo discesi fino ad arrivare a Sirolo. Eravamo ormai dall’altra parte del monte e potevamo ammirare anche la parte meridionale della Riviera del Conero (foto 7) con le sue numerose spiagge. Si vede il porticciolo di Numana. A Sirolo ho preso un caffè, briciole per la Chicca, e un buon gelato, il cono per la Chicca. Per non ripercorrere la stessa strada siamo saliti sulla Via Monte Conero fino a ritrovare il sentiero 301 che gira intorno al monte sempre rimanendo intorno ai 400 metri. Siamo arrivati al Pian di Raggetti, un prato ricco di fiori e farfalle, e abbiamo seguito le indicazioni per le Grotte Romane (foto 7), sul sentiero 306. In realtà le grotte sono l’inizio delle gallerie di una miniera dalla quale i Romani ricavavano materiali calcarei per le loro costruzioni (foto 9). Ritroviamo il 301 per Pian Grande. Arriviamo lì nel pomeriggio inoltrato e provo il desiderio di vedere com’è cambiato il paesaggio dal Belvedere sud in raffronto alla mattina. Quindi rifacciamo un tratto del sentiero 301 a e, in effetti, le luci e i colori sono molto cambiati (foto 10). Infine torniamo al sentiero 301 che ci conduce fino alla macchina, a Case Sant’Antonio. In auto abbiamo potuto ammirare anche l’entroterra della Riviera del Conero, molto bello specie in prossimità del tramonto (foto 11)
Una bella escursione che, per i sentieri non difficili e le salite agevoli, avrei potuto classificare come facile ma non l’ho fatto per la distanza, 24.5 chilometri, e l’ascesa complessiva: 1300 metri di salita in totale.

  1. 1 - La Riviera del Conero da Pian Grande
  2. 2 -Il lato sud della Riviera, dal promontorio di Ancona a Portonovo
  3. 3 - La Torre di Guardia e la spiaggia di Portonovo
  4. 4 - La Chiesa di San Pietro del Conero
  5. 5 - La costa selvaggia sotto il Passo del Lupo: la spiaggia delle Due Sorelle (imitando un cannocchiale)
  6. 6 - L'altro lato della spiaggia delle Due Sorelle
  7. 7 - La parte meridionale della Riviera del Conero con il porto di Numana
  8. 8 - Le indicazioni per le Grotte Romane
  9. 9 - L'ingresso della miniera scavata dai Romani
  10. 10 - La Riviera del Conero vista nel tardo pomeriggio, con luci e colori diversi
  11. 11 - E' bello, al tramonto, anche l'entroterra della Riviera

2 comments

  1. luciano49 said on Giugno 13, 2020 Rispondi

    Ciao Gigi, bellissima escursione, si può dire mare e monti, hai fatto delle foto veramente belle, con un mare di un colore stupendo, forse aiutato anche dalla bella giornata, anche se non si fanno lunghe salite andando su e giù si fa del dislivello, la CHICCA sempre in posa perfetta.
    Ciao

  2. Pier Giorgio Saviotti said on Giugno 19, 2020 Rispondi

    Ciao Gigi….I sentieri del comprensorio del Conero sono fra i più belli d’Italia, Persino non sono secondi alle Cinque Terre ed anche all’Argentario. Ho fatto tante passeggiate colà e direi che da Numana e Sirolo ai Sassi Neri e Due Sorelle sino a Portonovo e poi ritornando dall’alto, si godono panorami incredibili come ben documentato dalle tue immagini. Buon proseguimento.

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*