Ponte Santello – Orsigna – Rifugio Porta Franca – Fonte Uccelliera – Corno alle Scale – Passo del Cancellino – Poggio dei Malandrini – Rifugio del Montanaro – Passo Pedata del Diavolo –

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
Panoramico
1
1: Molto
2: Normale
3: Poco
Salita
1
1: Ripida
2: A tratti
3: Nulla
Difficile
D Difficile - per escursionisti esperti.
Ombra
2
1: Bosco
2: Parziale
3: Assolato
Partenza
Pistoia
Posted by
Posted on
Ponte Santello – Orsigna – Rifugio Porta Franca – Fonte Uccelliera – Corno alle Scale – Passo del Cancellino – Poggio dei Malandrini – Rifugio del Montanaro – Passo Pedata del Diavolo –

N.B. IO SONO PARTITO 200 m DOPO IL PONTE SANTELLO ,MA SI PUO’ PARTIRE DA ORSIGNA ,IN QUESTO CASO IL PERCORSO DIVENTA DI 25,5 Km E IL DISLIVELLO IN SALITA SARA’ DI 1550 m.

Fatto la strada fino ad ORSIGNA qui andato a destra su strada con indicazione CA’ PAOLUCCHIO , la strada costeggia vari castagneti e abeti e è tutta in salita un pò prima di arrivare a CA’ PAOLUCCHIO c’è la fonte del PINGUINO. Al termine della strada verso sinistra inizia il sentiero 5 , questo sentiero è tutto in salita e dopo aver attraversato un tratto in mezzo a bellissimi  faggi che hanno le radici molto fuori dal terreno, si prosegue sempre in mezzo ad abeti. Si arriva sul crinale al POGGIO MERIZZONE ,qui si va a sinistra , si passa poco sopra il RIFUGIO DI PORTA FRANCA  ,si prosegue su 35 fino al PASSO DELLA NEVAIA , ora si va a destra su GEA 00 che prima in salita ,poi in discesa porta alla FONTE UCCELLIERA che è sotto il M. GENNAIO, si prosegue sempre su GEA 00 ,si aggira il monte e si prosegue rimanendo sempre sul crinale fino a  raggiunge il PASSO DEL CANCELLINO , proseguire sempre diritto ,la salita su tratti sassosi porta al PASSO STROFINATOIO dove si può ammirare tutta la zona sotto il CORNO ALLE SCALE e tutto il crinale fino al M.CIMONE, qui a destra su 129 fino al CORNO ALLE SCALE e PUNTA SOFIA. Si ritorna al PASSO DEL CANCELLINO dove si abbandona il GEA 00 per proseguire tenendo verso destra su 20 ,il sentiero viaggia a mezza costa poi scende un pò  ,poi riprende a salire in mezzo al bosco per sbucare all’ aperto e viaggiando sempre a mezza costa si arriva al PASSO DELLA NEVAIA, qui si riprende il 00 andando a destra in salita sul crinale, si arriva sul POGGIO MALANDRINI ,si scende e all’ incrocio si va a sinistra su 3,subito dopo si arriva al RIFUGIO DEL MONTANARO, ora il sentiero diventa una larga mulattiera che tutta in discesa porta al PASSO PEDATA DEL DIAVOLO ,a questo incrocio andare a sinistra su 53. Questo sentiero è tutto in discesa con tratti abbastanza ripidi , in fondo si attraversa il torrente ORSIGNA (in estate è asciutto perché l’ acqua filtra sotto) per poi risalire alle case di LAVACCHINI dove c’è una freschissima fonte, si prosegue su strada e all’ incrocio a destra sempre su strada fino ad ORSIGNA.

N.B. IL TEMPO DI PERCORRENZA SENZA SOSTE E’ DI CIRCA 8 ORE E IL DISLIVELLO TOTALE IN SALITA E’ DI 1670 m.

Distanza totale: 29788 m
Altitudine massima: 1950 m
Altitudine minima: 667 m
Tempo totale: 09:58:24
Scarica

  1. Fonte del pinguino
  2. Sentiero 5
  3. Sentiero 5
  4. CORNO ALLE SCALE visto dal crinale per PORTA FRANCA
  5. Rifugio di PORTA FRANCA
  6. Fonte dell' UCCELLIERA
  7. Sentiero GEA 00
  8. MONTE GENNAIO
  9. Panorama dal GEA 00
  10. Sentiero verso il PASSO STROFINATOIO
  11. Panorama dal PASSO STROFINATOIO
  12. Sentiero verso il CORNO ALLE SCALE
  13. CORNO ALLE SCALE
  14. Sentiero che dal CORNO ALLE SCALE scende verso LA NUDA
  15. CORNO ALLE SCALE visto dal POGGIO DEI MALANDRINI
  16. RIFUGIO DEL MONTANARO

7 comments

  1. luciano49 said on luglio 5, 2019 Rispondi

    Purtroppo in questa bellissima escursione mi è mancata la ciliegina sulla torta perchè quando ero alla FONTE DELL’ UCCELLIERA che è poco sotto il M. GENNAIO ( quota 1812) ho visto in mezzo alle rocce un muflone femmina ma purtroppo dopo aver capito cosa era non ho fatto in tempo a prendere la macchina fotografica per cercare di fare una foto ,Questo mi rode un pò ma sarà per la prossima.
    CIAO A TUTTI

    1. Navtrekking_adm said on luglio 7, 2019 Rispondi

      Noooo! Luciano eri ad un passo!
      Ma mai mollare!

  2. Pier Giorgio Saviotti said on luglio 5, 2019 Rispondi

    Caro Luciano, mi sono permesso di scaricare una tua ultima escursione (io sono a zero) per divertirmi un po’. Poi l’ho passata su Strava, anzi su Relive e ho ricavato un video che mi hanno inviato via E-mail. Tu saprai di cosa si tratta. Si può anche modificare la velocità ed alcune cose col destro del mouse. E’ bellino! Ciao.
    Puoi vedere anche qui: https://www.relive.cc/view/r10006262955
    ps: purtroppo viene fuori col nome di chi l’ha caricato ma l’autore è Luciano49!!

  3. luciano49 said on luglio 6, 2019 Rispondi

    Ciao Pier Giorgio , mi dispiace che tu sia ancora fermo per una banale caduta ma speriamo in bene. Mi ha fatto molto piacere vedere il mio percorso in tridimensionale, non sapevo che si potesse fare , mi faresti un gran favore visto che tu conosci tutte queste applicazioni e sei molto bravo con il computer, quando avrai un pò di tempo mi descrivessi bene le operazioni che si devono fare per potere fare ciò e a quale sito occorre appoggiarsi .
    Ti prego anche di spiegarmi come si fa a modificare alcune cose con il tasto DX del mouse
    TANTISSIMI GRAZIE E BUON FINE SETTIMANA E ANCORA FORZA

  4. Pier Giorgio Saviotti said on luglio 6, 2019 Rispondi

    Allora, promuoviamo una MISSION chiedendo ad Andrea di farci i 3d in automatico…Hahahahah
    tuttavia….
    Iscriviti su Strava (sito: https://www.strava.com/login ) con tue credenziali o accedi se già le hai.
    oppure accedi con credenziali(se le hai) Facebook
    oppure con un account Google se l’hai (es. una casella e-mail)
    Poi carica tue attività ( con il + in alto a destra (ma come file- vedrai scelta a sinistra in un menu) non vecchie e gpx (per esempio alcune non le accetta(ne ho provata una di Paola e non funzionava)se non hanno tutti i dati richiesti(le tue si)
    Quando saranno pubblicate, segui istruzioni.
    Dovrebbero mandare una e-mail con pubblicazione automatica su ” Relive” a , oppure tenta sul sito : https://www.relive.cc/settings/import

    Quando vedi il video, col tasto destro apri un menu contestuale e leggi le opzioni: c’è anche quella di velocizzare o di rallentare oltre ad altre. Però fallo mentre il video scorre(magari non vedi niente) ed è meglio scaricarlo salvandolo a parte(sempre col menu tasto dx).

    Spero che non ti sia troppo complicato. A me funziona benissimo ma potrebbe anche dipendere dal Browser che adoperi. Ciao.

    1. luciano49 said on luglio 7, 2019 Rispondi

      MILLE GRAZIE, Pier Giorgio, per le istruzioni che mi hai dato oggi non ho avuto l’ ispirazione per farlo, ma lo farò molto presto, se avrò dubbi ti scriverò, penso che tu sia un mago del computer, io vado a traino.
      Ciao e a presto

    2. Navtrekking_adm said on luglio 7, 2019 Rispondi

      Per qualche escursione pubblicata qui sul sito abbiamo visualizzato su Instagram il video in 3d di Relive,
      lo possiamo tranquillamente fare anche sul sito, l’unico vincolo, come faceva notare Pier Giorgio è che i tracciati devono essere completi di tutti i dati. Provvederemo a pubblicare il video quando le tracce ce lo permetteranno!

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*