Bocconi di Portico – Monte Collina – Fonte del Bepi – San Benedetto in Alpe -Monte Gemelli – Ponte della Brusia

No votes yet.
Please wait...
Panoramico
1
1: Molto
2: Normale
3: Poco
Salita
2
1: Ripida
2: A tratti
3: Nulla
Difficile
C Poco difficile - per escursionisti
Ombra
2
1: Bosco
2: Parziale
3: Assolato
Partenza
Portico e San Benedetto
Posted by
Posted on
Bocconi di Portico –  Monte Collina – Fonte del Bepi – San Benedetto in Alpe -Monte Gemelli – Ponte della Brusia

Questo percorso secondo il mio parere è veramente bello con discreti panorami.

Il sentiero 425 inizia a sinistra del bar e inizia subito in discreta salita, si passa vicino ad una casa e si continua sempre a salire, con alcuni punti panoramici , si spiana solo in prossimità dell’ incrocio con il sentiero 553 sul crinale. Ora si va a sinistra su 553 fino al Monte Collina dove si incontra la strada forestale che si seguirà andando a sinistra,si passa sopra la Fonte del Bepi , in una curva destra prima di scendere al Colle del Tramazzo si incontra il sentiero 415 abbandonare perciò la strada e seguire diritto su questo sentiero.Questo sentiero rimane sempre sul crinale con tratti panoramici , nella prima parte si alternano piccole salitelle a discese,poi nell’ ultima parte inizia una lunga discesa che ci porta sulla strada asfaltata, attraversarla e proseguire in discesa su 415 A.

Si arriva cosi’ sul sentiero 407 che va all’ Acqua Cheta, qui andare a sinistra e seguire il sentiero fino a S. Benedetto in Alpe, ora a sinistra e davanti al forno a destra ,si attraversa il ponte in ferro e si va a destra ,si segue la strada asfaltata che in salita porta a Caprincolle, ora la strada diventa sterrata ,la prima parte è in piano poi incomincia a salire rimanendo sempre dentro il bosco ,poi si esce e si arriva sui bellissimi prati di S. Benedetto molto panoramici che ci portano alla Colla del Bucine.

Si attraversa la sbarra andando a sinistra sul 401 ,si segue la strada tutta in piano con la veduta del crinale del M. Falco, poi arrivati sopra Casa Campore si lascia la strada e si va a sinistra sempre su 401 che tutta in salita porta al M. Gemelli, arrivati sulla seconda cima si prosegue in discesa su 401 e poco prima di arrivare all’ incrocio con il 417 si va a destra su un piccolo sentiero NON SEGNATO che rimanendo poco sopra al sentiero segnato ci porta sul crinale dove si riprende il 401 , rimanere sempre sul bel crinale tralasciando i vari incroci , poi si scende e si riprende la strada forestale, poco dopo a destra si vede tutta la zona di Premilcuore, proseguire sempre per la strada ,a circa 400 m prima del Passo di Valbura, si lascia la strada e si va a sinistra su 423 .

Questo sentiero è tutto in discesa anche se presenta brevi tratti in salita ,passa vicino ad alcune case diroccate poi ad un certo punto sulla sinistra si vede uno dei castagneti più grandi della Romagna, l’ ultimo tratto in discesa ci porta ad attraversare il Fiume Montone sul bellissimo Ponte della Brusia, quindi con l’ultimo tratto in salita siamo a Bocconi.

N.B. Il tempo di percorrenza senza soste è di circa 8,45 ore e il dislivello in salita è di 1710 m.

 

 

ESCURSIONI IN ZONA—->

  1. Panorama dal sentiero 445
  2. Torrente dell' ACQUACHETA
  3. S. Benedetto in Alpe
  4. Faggio sui prati di S. Benedetto
  5. Panorama dai M. Gemelli
  6. Panorama zona Premolcuore
  7. Ponte della Brusia a Bocconi

4 comments

  1. Pier Giorgio Saviotti said on Dicembre 14, 2018 Rispondi

    Allegato

    Stupendo giro, Luciano. Zone ben conosciute, percorse in lungo e in largo. Oltre 30 km, con le giornate corte, sono da fare!! Ricordo in inverno spesso andavo al Gemelli. Una volta eravamo in una decina (strano per me ma ero con Acuti) e fermandoci mi misi a cuocere su un fornelletto gli spaghetti per tutti; due a testa e dieci per me. Altra volta da Tredozio Proveniente io solo da Modigliana passando per San Valentino sino a San Benedetto, passando per il Tramazzo e Fonte del Bepi, per poi(dopo aver dormito(si fa per dire) all’albergo, in cammino per l’Acquacheta poi su per il Briganzone e al Lavane poi discesa , Taglio della Regina,Grotta del Romito, Albero, e a Biforco dove, col treno (non c’era perchè sciopero) trovammo l’ultima Corriera. Che faticata! Eravamo in cinque, con un bambino di dieci anni e la neve. Il bambino ora fa anche la guida alpina.
    Ma mi chiedo: dal Tramazzo(fonte del Bepi) sei sceso al torrente Acquacheta e non direttamente da un certo punto, a San Benedetto, oppure …la volevi allungare un pochino per vedere il magnifico torrente? Che, poi, andare ai Gemelli, dopo quel tragitto precedente riscendendo alla statale, gli è un po’ duretta! Ma ne vale la pena.
    Meglio se con buona visibilità anche se molto è in foresta. Una volta per me ed altri, i Gemelli furono una tragedia per via di sbagli fatti da qualcuno che riteneva di sapere la strada giusta e ci ritrovammo, fuori sentieri, con nebbia e neve sul Rabbi zona Premilcuore anzichè a Bocconi a sera fonda. Ma non c’era GPS e con le carte e bussola era spesso un guaio. Da quella volta i percorsi me li sono sempre gestiti da me.
    Complimenti ancora anche per le belle foto!

  2. luciano49 said on Dicembre 14, 2018 Rispondi

    Ciao Pier Giorgio , si questo percorso l’ ho trovato stupendo, ho combinato alcuni tratti che avevo già fatto con alcuni che non avevo mai fatto. Anch’io al’ inizio mi sono trovato molte volte fuori percorso ,e si doveva impazzire molto per trovare la via giusta, ma io ho una teoria ed è quella che ciascuno di noi deve farsi l’ esperienza sulle proprie ossa,(anche il proverbio dice”CHI FA DA SE ,FA PER TRE” )
    Si sono andato al torrente dell’ ACQUACHETA sia per vederlo ,e anche per allungare il percorso.
    Ciao
    Luciano

  3. Mario Rossi said on Marzo 6, 2019 Rispondi

    Chiedo aiuto a voi che siete esperti della zona:

    alla Fonte del Bepi si arriva con il sentiero o c’è una deviazione ? Lo chiedo perchè dalla cartina che ho il sentiero sembra passargli solo a nord.

    Grazie!

    1. Mario Rossi said on Marzo 10, 2019 Rispondi

      Ciao @luciano49 posto qui la risposta che mi hai mandato così magari può essere utile anche a qualcun’altro. :

      @mario68 Ciao MARIO la strada della forestale passa 100 m sopra la fonte del BEPI non ti puoi sbagliare perchè c’è l’ìndicazione e sulla strada c’ è un tavolo con panche.
      Ciao”

      Grazie per il consiglio!

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*