Premilcuore (FC) – Monte Arsiccio – Monte Tiravento – Monte della Fratta – Premilcuore

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
Panoramico
1
1: Molto
2: Normale
3: Poco
Salita
2
1: Ripida
2: A tratti
3: Nulla
Difficile
B Media - per persone allenate
Ombra
2
1: Bosco
2: Parziale
3: Assolato
Partenza
Premilcuore
Posted by
Posted on
Premilcuore (FC) – Monte Arsiccio – Monte Tiravento – Monte della Fratta – Premilcuore

Dal centro di Premilcuore (500 m. ca.) parte il sentiero 315 che dopo non molto si innesta nel sentiero 313 per il Monte Tiravento. Questa prima parte dell’escursione sale subito in maniera decisa verso il Monte Arsiccio. Arrivati a una casa diroccata il sentiero si addolcisce e sale tranquillo in un bel bosco di conifere fino alla cima del Monte Arsiccio, a 800 metri slm. Da qui il percorso corre sempre sui crinali in sentieri a tratti stretti e molto esposti ma senza pericoli (foto 1 e 2) regalando bei paesaggi di montagne dall’aspetto particolare (foto 3 e 4). L’ultima parte del percorso per il Monte Tiravento rientra nel bosco di conifere che poi lascia il posto alle faggete nelle zone più alte. Viaggiamo sempre ai confini del Parco delle Foreste Casentinesi (foto 5). Sulla cima del monte, a quota 1050 metri, il vento tira, effettivamente, e le conseguenze del suo clima si vedono anche sul segnale della vetta (foto 6). Da lì il sentiero, sempre il 313, riprende a percorre i crinali poi entra nel bosco fino ad incontrare una comoda mulattiera, il sentiero 311, che conduce ad un rifugio sulla cima del Monte Fratta, a 1168 metri slm (foto 7). E’ una zona ricca di fiori che però non dovrebbero esserci essendo piante che, a quelle altezze, dovrebbero fiorire tra aprile e maggio (foto 8). Da lì inizia la via del ritorno camminando sempre intorno ai 1000 metri, sempre nei boschi e sempre sul sentiero 311, ammirando ancora bei panorami (foto 9). Poi il percorso inizia a scendere in modo deciso su un bel sentierino in mezzo alle faggete e, più giù, alle  conifere. Arriviamo al fiume Rabbi intorno ai 550 metri e seguiamo il sentiero che lo costeggia fino alla zona della Ridolla, la più turistica di Premilcuore, con la Cascata della Sega (foto 10 e 11), la cascatella e il laghetto della Grotta Urlante, l’antico ponte sul fiume (foto 12). Il fiume Rabbi  è suggestivo, stretto in una gola, con tratti di acqua verde (foto 13). Ogni montagna ha la sua Madonna protettrice (foto 14). Infine alla macchina.
Una escursione bella, per me, a tratti impegnativa sui crinali ma mai pericolosa, con bei panorami e tanti boschi.
Portatevi l’acqua, non ne troverete.

Distanza totale: 24755 m
Altitudine massima: 1156 m
Altitudine minima: 475 m
Total time: 10:04:14
Scarica
  1. 1 - I sentieri corrono sui crinali. La Chicca studia il percorso.
  2. 2 - Ancora sui crinali scavalcando piccole creste che si susseguono
  3. 3 - Ora le montagne sono nude
  4. 4 -Le creste si inseguono e scendono verso la valle come montagne russe
  5. 5 -Il panorama guardandoci indietro
  6. 6 - Sì il vento tira sul Monte Tiravento e gli effetti si vedono anche sul cartello di legno
  7. 7 - Il Rifugio Monte Fratta
  8. 8 - L'anemone epatica blu è uno dei più bei fiori della primavera in montagna
  9. 9 - Sulla via del ritorno, dall'altra parte del monte. La Chicca al lavoro.
  10. 10 - La cascata della Sega
  11. 11 - Creazioni dei mulinelli d'acqua
  12. 12 - L'antico ponte sul fiume
  13. 13 - L'acqua Verde del fiume Rabbi
  14. 14 - Ogni montagna ha la sua Madonna protettrice

2 comments

  1. luciano49 said on Febbraio 29, 2020 Rispondi

    Ciao Gigi, quella che hai fatto è una bella zona, vedo che la CHICCA è sempre in avanscoperta ad osservare tutto, hai preso anche una bella giornata mi è sembrato anche con poco vento, sul TIRAVENTO quando soffia forte è quasi impossibile fermarsi un attimo.
    Bellissima la foto N° 11 delle creazioni dei mulinelli d’ acqua
    Ciao a presto

    1. Giuseppe Guadagno said on Febbraio 29, 2020 Rispondi

      Sì Luciano l’escursione mi è piaciuta molto. Alterna zone impervie e altre rilassate in una zona mista, di confine con le Foreste Casentinesi. Mi è dispiaciuto di non aver potuto visitare la Grotta Urlante ma non avevo più tempo.
      Grazie dell’attenzione.
      Ciao.

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*